Tuesday, December 18, 2007

Duemilasette




(...) I testi e la voce di Ferraby Lionheart in un disco e un ep infinitamente pieni di talento: "Not a useless word, in a book, in a song". L'aria immobile di Milano con Lynch nella testa, i Fiery Furnaces su una Polaroid e nelle orecchie e l'alba dentro, al centro del petto. Guille Milkyway e la sua Casa Azul che si ripete e si rinnova, il suo europop sopra le righe, le solite due strofe che piazza e ti fanno sorridere. Jens Lekman sempre più insopportabile e sempre più crooner e sempre più bravo. Il plagiarismo smodato e disinvolto dei Marmalade Souls, attorcigliato alle melodie come la lingua in bocca che schiocca dopo il dolce. La 42records, Emiliano e le -pochissime- persone che ancora rimangono e un perché c'è. Emma e Davide e la stima e l'affetto che ci hanno legato e ci legano. Sandro e Peppe, i Turnpike Glow, la loro scelta, l'amicizia che si declina nella speranza di ogni bene possibile. La mia città così difficile e così bella: da prendere prima a pugni, poi a carezze e infine anche un po' in giro. Bologna tanto immobile e compiaciuta eppure ancora così stranamente vicina. Chi l'avrebbe mai detto di ritrovarsi a imparare a conoscerla e a volerle ancora bene di nuovo. Un angolo di sabbia, ciottoli e mare dove il tempo non esiste e -più su- un quadrato d'erba dove il tempo è iniziato con un urlo nella testa. Il genio pop bulimico e prolifico di Montt Mardié, il suo falsetto così soul, le sue storie così meravigliosamente patetiche. I campi di picnic infiniti dei Pants Yell!, fieri appartenenti alla schiera di quelli che non hanno paura di giocarsi la melodia in cambio di niente. "In Rainbows" e il suo polverone. Possono farlo perché sono i Radiohead. A tutti gli altri restano i fan da scovare, gli escamotage più o meno intelligenti e i riflussi dell'industria. "In Rainbows" virale più nella musica che nella trovata. Infettivo esempio di come il pop sia materia da mani intelligenti e il rock sia e sarà sempre in fondo materia per mani messe (d)avanti alle canzoni. Kevin Devine e quel titolo "Put your ghost to rest": ci tocca essere bàlie sapienti, con la voce arrochita dall'esasperazione e il sorriso buono per i 'buonanotte' migliori. "And I've known trouble all my life and I'm sick of asking why. It's like screaming at a set of dice. They're gonna role the way they role and then you're never gonna know. So getting crazy's just a waste of time". Gli Irene così Lekman e, in un paio di episodi, una spanna sopra il loro nume tutelare (ma chi ha più l'onestà e la luminosa presunzione di cantare frasi come: "You're not ready for my kind of love"?). I Lucky Soul che seppelliscono le Pipettes e riportano i pois e le sinfonie Spectoriane fuori dall'attuale mainstream -ché è quello il loro posto- tra chi spera e crede che un po' più di stile ci salverebbe proprio tutti. Una statale paralizzata dalle ceneri di un pullman mentre premi la guancia contro il finestrino e ascolti il debutto agrodolce degli Annie Hall. Lo scheletro metallico che impressiona la retina come la consapevolezza di aver fatto il gesto giusto, di aver calato le carte nel momento migliore. Rivederli sul palco e ripetersi allo specchio dei bagni del Circolo che ce l'hai fatta: che hai vinto una delle battaglie. La guerra avrai tempo di disertarla o di vincerla senza accorgertene, impegnato in tutt'altro. La voglia di suonare dei My Awsome Mixtape, sentirli e vederli dal vivo a ricordarmi quanto certe età io le abbia poi tutte sballate. Un concerto vicino al mare in cui sentirsi meravigliosamente 'soli'. Le prime sublimi, immense venti pagine de "I Rabdomanti" di Moody, che prendono a calci nel culo tutto il ciarpame intravisto in circolazione, tutte le menzogne senz'arte né parte, tutti questi rischi mai presi, tutto questo scrivere informazioni: libri, giornali, web. Tutto questo informare senza un briciolo di passione o di cuore. Addio: wooosh, spazzato in venti pagine di talento e verità alla luce del sole. Aver mancato il concerto dei Wilco. Aver mancato il concerto degli Okkervil River. Esserne così triste e insieme felice e, intanto, gioire di due dischi diversi e simili, ascoltati mille volte a schiantarsi di accordi di settima e di coraggio. Sentire Battisti più spesso ovunque. Poco importa che siano serviti degli allegati in edicola. Un cucciolo di cane, femmina, che ha stracciato il guinzaglio e mi ha costretto a pensare che dovevo cambiare ancora una volta. Il minimo che poteva capitarle era finire su una copertina. L'idiozia e il divertimento in radio, i Son Volt ascoltati con il dorso delle mani ghiacciate sul volante e i Tuung che bussano sul vetro di una porta: chiusi fuori per colpa della nicotina. Trovarti seduta in braccio a me, dove speravo saresti finita. L'ep di David Bazan e il suo cattolico delirio: "Padre perdona loro..." e regalaci per sempre melodie così. Dacci un preset Casio su cui addormentarci felici. Dylan, di cui riesco davvero ad ascoltare solo tre dischi e che invece mi innamora in "Cassadaga" di un Bright Eyes incredibilmente riflessivo -'cresciuto'- e nell'urgenza di Josh Ritter. Eggers che si reinventa ancora una volta e tu non spieghi neanche più perché ami quello che fa. "New York, I love you", mandata in onda a mille brividi al secondo e poggiata sul mobile che fa da comodino. I limiti infranti a scudisciate dolceamaro nel nuovo The Dirty Projectors. Panda Bear, gli Animal Collective, la Akron/family e tutto quello che dimostra che si può parlare di vita e amore e suonare sperimentali(ssimi) e folk senza riempire locali veri e virtuali di facce meste e nihilismo. Il mio perdono che arriva tardi, in ironico ritardo su quanto scopro svanito: sporcato e poi sbiadito nella sua grigia corsa verso il nulla. I miei adorati Mum che anticipano un disco 'solo' bello con un live radio da infarto. I National che sprangano le finestre e i sogni da discount con la gente dentro e i The Most Serene Republic che arrivano a far prendere aria a lenzuola e capelli. Gli Altro che lanciano una palla da bowling contro i miei quattordici anni. E mi fanno malissimo e bene allo stesso tempo. Gli Of Montreal che dal vivo scheccano da dio e pochi sono così angolarmente pop in calzamaglia. Forse solo gli Apples in Stereo con il loro fiume di accordi: matematici e roboanti -senza calzamaglia, però. Tutte le risate e il delirio che mi hanno causato i Valderrama5 a cui sarò sempre debitore. I dischi dei Linda Guilala che continuano ad arrivare nella buca della posta e affondano -lame- certezze piccole e ostinate. Riprendere chine e pennarelli. Chiudersi su una sedia recintata e disegnare, disegnare, disegnare. Aprirsi su una sedia circondata dalle briciole della colazione e disegnare, disegnare, disegnare. I pezzi che ancora devo mettere in ordine e -quindi- ci sono gli Shout Out Louds: in totale armonica confusione, in perfette opportunità di confondermi. Bene e male, gracile e robusto. Strati su strati di cupa passione mista a nostalgia dell'altroieri. Uniti nella delusione il debutto dei Voxtrot -grandi speranze prodotte male- e "White Chalck" di Pj Harvey -pretenzioso lavoro prodotto benissimo. Bello l'estro notturno e umorale di Loney Dear e quello ricercatissimo fino al millimetrico cardiopalma dei +/-. Altrettanto ricercato il disco di Slope (microglitch da cesello) mentre "Cosmos" di Murcof può convincere molto solo chi ha scoperto certa elettronica l'altroieri (compresa la sua). Scuro e denso EL-P, ma meno convincente del solito, Vert che si mette a scrivere canzoni; l'immenso "Interregnums", il bonus disc del "Preparations" di Prefuse73. 'Opera', nel senso più stretto del termine, ambiziosissima e riuscita; suoni di questo mondo (acustici) a suggerire percezioni di altri mondi (elettronici?). Cos'è (or)mai l'elettronica? Una bella chiacchierata sulla musica fatta a un tavolo del SinisterNoise oltre l'orario di chiusura. I Maritime che ne infilano un altro, complicandosi la vita molto più che bene e finendo per somigliarsi meglio. I Dashboard Confessionals di "The Shade Of Poison Trees": io -lo dico- se fossi adolescente oggi, ascolterei emo fino allo sfinimento e loro sarebbero i miei eroi. Siccome adolescente non sono, loro rimangono per me 'semplicemente' una band di enorme talento. L'ho detto. I Rogue Wave che hanno licenziato un disco che è un bicchere d'acqua gorgogliante. E' acqua ed è buonissima. Il fulminante "Gaps" di Monster Bobby: diretto, assolutamente irresistibile. Padronanza travestita da noncuranza. Padronanza pop vera, quindi. I Subsonica in spolvero sfavillante, acciambellati sul passato e protesi al futuro. Infiniti quando la piantano con lo spleen sabaudo e sgranano perle: "Quella porta è un dolore lontano, che nessuno doveva vedere" (Canenero). La pancia più sottosopra del solito per quello che accade in Tibet e -era ora- diventa cronaca, inchiesta, riprese. Tutto il rosso e l'arancio delle tuniche, gli interessi, la mobilitazione a tempo determinato e uno dei tuoi desideri che rimane tale, ma acquista voglia. Poco cinema, ancora una volta. Poco cinema 'in sala' e tanto in casa: braccia conserte e occhi vigili. Non hai ancora ascoltato il disco dei Dead Kennedys. Non hai ascoltato un sacco di cose. Hai consumato i Cripple Lilies e gli Stars, decine di cdr masterizzati al volo prima di uscire. Ti sei scorticato testa e immaginazione su quello che non hai capito immediatamente, come al solito. L'ennesimo disco bellissimo dei Pinback, la magia solenne degli Arcade Fire e della loro Bibbia al neon, ma più ancora la coincidenza di un regalo, le esplosioni ovunque vai, ora. Ché ti devi un po' abituare a tutte queste deflagrazioni, tu che detesti persino le porte che sbattono; eppure è un rumore diverso, è un ronzio di fondo che ti si attorciglia ai timpani caldi e decade con la lentezza di un ultimo "ciao".
Ciao.

17 comments:

Anonymous said...

la migliore classifica dell'anno? ale/empty

Intweetion said...

Così è più semplice e non c'è l'ansia da 'top' ;)
Graziemille, Ale! :)

p.s.
Ecco, lo sapevo. Non ho messo la Veirs e i Tullycraft.. l'ansia rimane :)

Intweetion said...

...e i Fields? E i Menomena? E il doppio dei Lucksmiths?...
"Sedatavo?" :D

Anonymous said...

sempre meglio un "ciao" che un "addio".. per quanto si pensi possa essere l'ultimo,lascia inconsapevolmente qualche speranza..

Giulia

Intweetion said...

In questo caso sono il primo e il primo di una lunga serie.
Gli addii per come la penso, il più delle volte non serve neanche dirli.

colas said...

taaaaaanto 2003
(lo sai, quest'anno il mio parametro di giudizio posa su questa frase)
:D

Intweetion said...

Se questo vuol dire che il duemilaotto sarà come il duemilaquattro, vista la quantità di cose accadute, meglio ancora ;)

colas said...

beh, in realtà vuol dire solo...

GOOD COMPOSITION

Intweetion said...

Motteméno.

Teamo ;D

k said...

ma il Circolo sara' mica quello degli artisti??

Intweetion said...

K, proprio quello :)

enver said...

bellissimo...

Intweetion said...

Grazie :)

DT said...

Cavolo che riassunto del 2007!!

Complimenti.

p.s. Non ti sono piaciuti i liars, interpol, warlocks, iliketrains, amari, battles, lcd soundsystem, the good, the bad and the queen, etc...?

Intweetion said...

Grazie :)
E' un 'riassunto' in cui i dischi dell'anno sono poco più che un pretesto. Nei commenti precedenti ci sono già almeno cinque nomi che mi dispiace aver 'dimenticato' di includere. Quanto a quelli che fai tu, rapidamente:
Liars: bello. Per varie ragioni, però, meno incisivo dei precedenti. Interpol: copiano se stessi e iniziano ad annoiarmi (anche se quello di quest'anno è meglio del secondo). Warlocks: credo di averlo ascoltato appena una volta. Iliketrains: idem. Amari: musicalmente 'carini'. I testi invece mi paiono di una banalità esasperante e mi irritano non poco. Battles: grandiosi. Potenti e intelligenti. LCD: Splendido. L'ho citato. Con una sola canzone, ma c'è :) TGTB&TQ: bello ma 'stanco'. Anche se l'accoppiata Simonon/Albarn mi ha emozionato non poco. Etc..?: fichissimi. ;D

marinella said...

ho ritrovato il sapore del mio 2007 nel tuo.

Intweetion said...

Contento di aver in qualche strana maniera evocato altri sapori :)