Monday, November 29, 2010

La cura della sciofobia

Le cose hanno le ombre:
fatte a forma di se stesse,
ma buie di vuoto nel contorno
che hanno in mezzo al mondo
dove per vedere c'è
un sistema complicatissimo
con la luce che colpisce
gli oggetti
e anche per questo
agli oggetti noi
siamo ancorati
e pure loro alle ombre
(e alla fine quindi poi
pure noi).
Nelle ombre delle cose
ci si sta male
infatti perlopiù
io tendo a piazzarmi
sotto al sole
e quando vedo che
l'ombra s'avvicina
mi sposto
un po' più in là.
A voler usare un nome
tecnico preciso
sono sciofobico:
come ne vedo una
mi allontano perché
a gettarci luce
si creano altre ombre
e altre dopo ancora:
sempre per quella questione
del sistema complicatissimo
di rifrazione.
Per questo quando te
mi acchiappi per la manica
e accartocci il buio
e poi ci soffi su
io smetto di parlare
mi infilo nella tasca
un paio di candele
- così per precauzione -
ma poi alla fine vengo
dove vai tu.

2 comments:

andrea cobain said...

fidarsi è bene.

Intweetion said...

Al più, portandosi qualche candela in tasca.